Menu
Introduzione
Cerca nel sito:
opere realizzate
la pineta di raffaello
padiglione-museo artemision
le residenze giardino di brucoli
pizzabox
il giardino di artemide
corte ai bottari - II fase
corte ai bottari
giardino di casa burgio
edicola funeraria
laboratorio di un apicoltore
News
Link
http://www.nomesito.com
chips
Null
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
hs_chipsGroup_Presentazione_1
Le residenze i "Giardini di Brucoli", Augusta (sr), 2008
Progettista: Vincenzo Latina

Committente: Gestioni Immobiliari 2003 Srl / GESTIM 2007 Srl

Gruppo di progettazione: Silvia Sgariglia

Collaboratori: Vincenzo Mangione, Luca Sipala, Cristina Speranza, Alfio Forte, Umberto Canigiula, Fabio Tantillo, Rossella D'angelo

Consulente strutturale: Ing. Antonio Gallitto

Concorso: novembre 2006

Affidamento d'incarico: giugno 2008

Inaugurazione: luglio 2009

Fotografie: Massimo Cristaldi
Le residenze i “giardini di Brucoli” sono inserite in uno straordinario contesto paesaggistico, un parco privato di 58 ettari situato sulla una balza” calcarea affacciata sul mare di Brucoli, piccolo borgo di pescatori caratterizzato dalla singolare presenza di un castello aragonese del XV secolo.

Le residenze sono a pochi metri dalla spiaggia, con un panorama su una delle baie più belle della Sicilia; sull’orizzonte svetta la cima imponente dell’Etna, le calette di molte insenature e un fiordo naturale con le sue pareti verticali forate da grotte preistoriche, utilizzate come abitazioni nell’età neolitica.
La straordinaria orografia del sito da cui si può ammirare il fiordo di Brucoli, le scogliere e il paesaggio costiero da oltre venti anni è stato avversato dal notevole degrado costituito da una lottizzazione in stato di totale abbandono.

La lottizzazione Gisira risalente agli anni ’70-’80 è costituita da oltre 400 unità abitative, in prevalenza residenze bifamiliari e quadrifamiliari, occupanti un lotto di circa 2000 mq ciascuna, e da una serie articolata di servizi. Il villaggio non è stato mai completato del tutto, e la maggior parte degli alloggi sono stati abbandonati e spoliati da ogni suppellettile. Ciascuna unità abitativa era costituita da una veranda sormontata da un sistema brise soleil in c.a. e nella parte opposta da un portico sormontato da una vasca che doveva accogliere un giardino pensile. I principali degradi fisici alle strutture sono causati dall’ambiente marino saturo di sale, dall’impiego non corretto dei sistemi costruttivi e pessimi materiali da costruzione delle strutture portanti.

La società Minoter – Gruppo Cualbu – ha indetto nel 2006 un concorso privato ad inviti per il recupero della lottizzazione Gisira; concorso vinto da Vincenzo Latina.
Dopo vari studi e indagini negli edifici interessati dal recupero si è convenuto che il degrado era così avanzato da non rendere attuabile un intervento di ristrutturazione.

E' stato redatto quindi un progetto che cambia il sistema strutturale da quello intelaiato a quello in muratura portante mantenendo intatto il perimetro, la giacitura e la volumetria esistente degli alloggi.
Il progetto prevede interventi di sostenibilità ambientale attuati attraverso la realizzazione di nuovi edifici che rispettano le norme di piano, con forma e volumetria simili all’edificio demolito, per evitare “contrapposizioni” con l’ambiente circostante; il rispetto della tradizione costruttiva del luogo; l’utilizzo di materiali che rispondano alle norme sul risparmio ed efficienza energetica.
L’intervento prevede una progettazione eco-compatibile con riciclo di materiali degli edifici demoliti; uso di materiali facilmente reperibili nel mercato locale; uso di materiali riciclabili e rinnovabili; uso di materiali a basso contenuto energetico; impiego di sistemi di riciclo dell’acqua piovana; salvaguardia dell’ambiente naturale; efficienza energetica.
Il “recupero” delle ville avviene con interventi di demolizione e ricostruzione che si possono ascrivere al “restauro tipologico”.
La realizzazione di un ampio programma di edificazione ha imposto di costruire di qualità rinunciando intenzionalmente ad accenti formalisti o enfatici.
Informativa Privacy | Privacy Policy
Informativa sui Cookie | Cookie Policy